Contenuto principale

Candidature per imprese e associazioni fino al 16/06. Misura finanziata con fondi europei

impresa giovane ridimLa Regione Toscana, nell’ambito di Giovanisì, rafforza e incentiva la diffusione del coworking, una modalità di organizzazione del lavoro basata sulla condivisione degli spazi e delle competenze tra liberi professionisti.

E lo fa attraverso un bando, finalizzato a stilare un elenco aggiornato e qualificato di fornitori di spazi, che rimarrà attivo fino al 16 giugno. Successivamente, sarà aperto un nuovo avviso regionale che permetterà ai giovani toscani di operare in quegli spazi utilizzando dei voucher. 

Possono presentare domanda i soggetti in possesso dei seguenti requisiti: imprese iscritte nel Registro delle Imprese, con sede legale o operativa in Toscana; associazioni già iscritte o che intendano iscriversi all’Agenzia delle Entrate; avere inserito fra le attività previste nell’atto costitutivo e/o statuto l’attività di coworking; avere un numero di postazioni lavorative non inferiore a 8; essere in regola con la normativa per l’esercizio di attività commerciali, qualora esercitate; essere in regola con la normativa in materia fiscale e contributiva, in materia di sicurezza e igiene del lavoro; garantire la totale accessibilità alle persone con disabilità; avere un sistema informativo comune con connettività a banda larga e/o wi-fi.

Le candidature devono essere inoltrate entro il 16 giugno tramite PEC, all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., oppure tramite il sistema Apaci, selezionando come Ente pubblico “Regione Toscana Giunta”. 

La misura Coworking è finanziata con risorse POR FSE TOSCANA 2014-2020.

L'avviso pubblico completo è disponibile qui.

Info e moduli su giovanisi.it

 

 pubblicato il 30/05/2017