Contenuto principale

La Terza edizione fissata a Lucca, il 5 e il 6 aprile. Possibilità di registrarsi direttamente sul posto

agricolturaTerza edizione per la Conferenza regionale dell'agricoltura e dello sviluppo rurale intitolata "Obiettivo Terra", organizzata dalla Regione Toscana e giunta ormai alla sua terza edizione.  

Si tratta di un evento che mira a fare il punto sui progressi portati avanti nei settori agricolo, agroalimentare e forestale negli ultimi 10 anni, a partire dalle precedenti edizioni della Conferenza e alla luce dei cambiamenti in atto. Il tutto nell'ottica di delineare alcune linee strategiche per la futura programmazione, vale a dire quelle successive al 2020. Non a caso, durante la manifestazione si svolgerà anche l'evento annuale del PSR FEASR 2014-2020.

La conferenza si terrà a Lucca, nella sede del Real Collegio (piazza del Collegio 13), nelle giornate del 5 e del 6 aprile. Il primo giorno l'appuntamento è solo pomeridiano, dalle 14 alle 18,30; il secondo, invece, si parte dalle 9,30 per terminare alle 18,00.

La struttura scelta per la due giorni è quella delle sessioni plenarie e delle sessioni parallele, organizzate attorno ai seguenti 5 tavoli tematici :

  • Tavolo 1 :"Innovazione e trasferimento delle conoscenze, cooperazione in agricoltura e nello sviluppo rurale";

  • Tavolo 2: "Agrobiodiversità, prodotti di qualità e promozione, tradizione e sostenibilità alimentare";

  • Tavolo 3: "Sviluppo e vivibilità delle aree rurali, Leader e diversificazione";

  • Tavolo 4 :"Montagna, foreste, agricoltura e sostenibilità ambientale, contrasto ai cambiamenti climatici";

  • Tavolo 5: "Competitività, filiere e giovani. Approccio agli strumenti finanziari.

A partecipare saranno autorità UE, nazionali e regionali, così come i rappresentanti del mondo agricolo e dello sviluppo rurale, con l'obiettivo di discutere sugli scenari futuri e sulle tematiche di maggiore rilevanza per il settore.

Sarà possibile registrarsi all'evento direttamente sul posto.

Per il programma completo: www.regione.toscana.it

Pubblicato il 04/04/2017